SOSPESI PER TERRA - Blogger bocche piene di libertà, bla bla bla bla, utenti che gravitano nella generosità, da da da da, aperti al confronto e ad ogni sorta di cambiamento, esibizionisti, buonisti, ambientalisti di sfondamento, automatico complimento. Se si apponesse con dinvoltuuuuura un diverso commento da bocciatuuuuuura non inerente all'argomento si rischierebbe una denuncia per scarso attaccamento, altro che sgomento, non abbiate pauuuuura, è un modo come un altro di perdere tempo, se mi guardate con sospetto non nascondetevi sotto il letto, prometto che sarò più buffona di Rigoletto. Blogger senza inibizione e difficoltà ti manda a va va va va, utenti saccenti che sa sa sa sa, intonano lo stesso ritornello la la la la, coraggio fabrax, abracadabra, esponi la formuletta che sai: "me la dai?" Ai confini dell'avere: "me la faresti vedere?" Per accontentare l'ippocampo, stampo e giunge in un lampo, guardo e non mi smagro, squadro una cornice senza quadro, non mi pongo quale sia il senso del peccato, giusto o sbagliato, non tutto è oro colato, non pregiudica un bene amato, se mi spengo al diavolo le sensazioni vere o presunte, potrei schiattare domani, se ne laverebbero le mani e i coglioni, non importa siamo di fronte al condominio virtuale, la finzione è la norma. Blogger che sanno l'alfabeto a a a a e poi tornano indietro a a a a, utenti spersi nella città, spiacente non sono di quà.

venerdì 1 febbraio 2013

le pratiche sessuali nell'antico Egitto




L'importanza della componente erotica presso gli egizi è ancora, per la moderna archeologia, un vasto campo d'indagine, dato che sino ad ora questo tema è stato rimosso dalla ricerca a causa di un superficiale pudore.
In Egitto non vi sono raffigurazioni erotiche che descrivano i rapporti interumani. Ciò potrebbe far supporre che l'erotismo sulle sponde del 
Nilo sia tabù.
Non è vero.
Basti pensare che, se gli egizi non ci hanno tramandato immagini erotiche ( come invece hanno fatto greci e romani), ci hanno lasciato sull'argomento parecchi scritti.
Il grande 
papiro di Torino dimostra che tremila anni or sono  nella Terra delle piramidi circolava già la pornografia.
Gli antichi egizi erano soliti anche usare dei misteriosi miscugli afrodisiaci.
Se confrontiamo la lettura erotica degli egizi con quella dei greci e dei romani, emerge che nel Paese del Nilo la donna in amore era molto libera, seducente ed aggressiva, del tutto diversa da colei che si legge dai racconti di Ovidio ( Ars Amandi) o di Luciano ( Dialoghi).
Le donne egizie contavano molto più delle donne del resto del mondo.
E ciò valeva anche e soprattutto per la componente erotica.
In nessun'altra parte del mondo c'erano gli strip tease, le danzatrici così belle.
Le troviamo per la prima volta alla corte del 
quarto Thutmosi, bisnonno di Tutanakhamon: uno scriba templare di Thutmosi IV fece riprodurre nella propria tomba una di quelle danzatrici chiamate "della bellezza".
Da allora, esse comparvero spesso nelle sepolture private tebane.
E' possibile ammirarle anche nel sacro tempio di 
Luxor; una cosa oscena per il pudico Erodoto. 
La contraccezione
I tentativi di controllare le nascite erano ampiamente diffusi nell’antico Egitto, come testimoniano alcuni documenti. Tra questi, un un papiro del 1850 a.C. circa, in cui vengonodescritti delle specie di diaframmi fatti di gomma arabica, che ha effettivamente delle qualità spermicide. Il papiro parla anche di una miscela di miele e carbonato di sodio che veniva applicata all’interno della vagina, e di un altro tipo di diaframma fatto di sterco di coccodrillo. Sempre in Egitto sono stati ritrovati degli antichi disegni che raffigurano uomini con indosso capsule simili a preservativi, ma non è chiaro se questi venissero usati come contraccettivi o decorazioni cerimoniali.

Fonte il 
Post

fonte: www.anticoegitto.net

3 commenti:

  1. Chissà com'è l'odore dello sterco di coccodrillo ... magari all'epoca era come lo Chanel N°5 di oggi

    RispondiElimina
  2. Perchè pensavano che in Egitto non avessero pulsioni sessuali? Gli egizi son sempre stati avanti... Piuttosto fa pensare il fatto che papiri con queste pratiche si siano conservati per migliaia di anni arrivando intatti a noi. Non credo che la stessa sorte potrà toccare a un numero di Playboy o Le Ore tra due o tremila anni.

    RispondiElimina