lunedì 30 gennaio 2012

bagni pubblici









I bagni pubblici furono molto amati dagli antichi romani e loro, li considerarono luoghi adatti per rilassarsi, discutere di politica e anche naturalmente, per organizzare congiure.
Aboliti in Europa durante il Medioevo dalla morale cristiana, di questi posti si possono ritrovare segni nei quadri dei pittori francesi del Cinquecento, usciti dalla scuola di Fontainbleau.
Nell'antica Roma vi erano bagni pubblici anche per il popolo, ma se dal XVI secolo si vedranno dipinti in quadri dei bagni, appare chiaro che si tratta di ritrovi per classi privilegiate. Fino al Novecento infatti, né la letteratura né la pittura, ci parlano mai di raggruppamenti del genere tra la gente comune. Nell'Ottocento vi furono molte raffigurazioni artistiche in cui si possono ammirare tali bagni, ma si riferiscono sempre a luoghi orientali con odalische come protagoniste.
In Giappone è tradizione da sempre recarsi a fare il bagno in un luogo pubblico (separati tra maschi e femmine) e i dipinti di Kiyonaga che abbondano di queste immagini, ce ne danno ampia prova. Molto famosi sono anche i bagni turchi, dipinti in più occasioni da Ingres e da Gerome.

4 commenti:

  1. avvertenza (per correttezza), lo scritto non è mio

    RispondiElimina
  2. Beh, se non è tuo, metti la fonte ;-)
    Fantastiche atmosfere, come sempre. Sui bagni pubblici giapponesi, ti segnalo questo: http://www.strayinjapan.it/2011/02/bagni-pubblici-teoria-e-pratica.html
    Come dicono gli autori di quel blog, il testo è datato (anni '70), ma serve forse a farsi un'idea.

    RispondiElimina
  3. ACCIDENTI....MANCA SOLO DELACROIX!! pITTURE STRAORDINARIE

    RispondiElimina
  4. la fonte dove attingo: pitturaomnia.com

    RispondiElimina