SOSPESI PER TERRA - Blogger bocche piene di libertà, bla bla bla bla, utenti che gravitano nella generosità, da da da da, aperti al confronto e ad ogni sorta di cambiamento, esibizionisti, buonisti, ambientalisti di sfondamento, automatico complimento. Se si apponesse con dinvoltuuuuura un diverso commento da bocciatuuuuuura non inerente all'argomento si rischierebbe una denuncia per scarso attaccamento, altro che sgomento, non abbiate pauuuuura, è un modo come un altro di perdere tempo, se mi guardate con sospetto non nascondetevi sotto il letto, prometto che sarò più buffona di Rigoletto. Blogger senza inibizione e difficoltà ti manda a va va va va, utenti saccenti che sa sa sa sa, intonano lo stesso ritornello la la la la, coraggio fabrax, abracadabra, esponi la formuletta che sai: "me la dai?" Ai confini dell'avere: "me la faresti vedere?" Per accontentare l'ippocampo, stampo e giunge in un lampo, guardo e non mi smagro, squadro una cornice senza quadro, non mi pongo quale sia il senso del peccato, giusto o sbagliato, non tutto è oro colato, non pregiudica un bene amato, se mi spengo al diavolo le sensazioni vere o presunte, potrei schiattare domani, se ne laverebbero le mani e i coglioni, non importa siamo di fronte al condominio virtuale, la finzione è la norma. Blogger che sanno l'alfabeto a a a a e poi tornano indietro a a a a, utenti spersi nella città, spiacente non sono di quà.

domenica 6 settembre 2015

la ricetta dell'olio di cannabis di Rick Simpson

“Una volta che le persone vengono a conoscenza del fatto che con la canapa è possibile curare e controllare praticamente qualsiasi patologia medica, chi può desistere dal provarla?”
Rick Simpson ha dedicato la sua vita ad aiutare le persone malate e sofferenti (di qualsiasi tipo di malattia e disabilità), con l’uso dell’olio di canapa naturale.

L’olio di canapa di Rick Simpson si rivela efficace nella cura del cancro.

Rick Simpson è un attivista della marijuana medica e da quasi un decennio fornisce alle persone informazioni dettagliate sulle proprietà curative dei medicinali prodotti con l’olio di canapa. Rick ha guarito se stesso da un melanoma metastatico nel 2003 e da allora ha dedicato la sua vita a diffondere la verità sull’olio di canapa. Lungo il suo percorso ha incontrato una quantità assurda di persone in opposizione e la totale mancanza di sostegno da parte delle autorità canadesi, come pure le aziende farmaceutiche, agenzie governative per la salute e uffici delle Nazioni Unite. Nonostante tutto, Rick Simpson ha trattato con successo oltre 5.000 pazienti (gratuitamente) e crede che tutte le forme di malattia e le condizioni fisiche siano curabili con l’olio di canapa. Egli afferma che è possibile curare tutti i tipi di cancro e di malattie mediante una terapia con olio di canapa di alta qualità.
Rick ha trattato pazienti di qualsiasi condizione medica, tra cui: cancro, AIDS, artrite, sclerosi multipla, diabete, leucemia, morbo di Crohn, depressione, osteoporosi, psoriasi, insonnia, glaucoma, asma, ustioni, emicranie, regolamento del peso corporeo, dolore cronico e mutazione cellulare (polipi, verruche e tumori).

“Run from the cure” il video del documentario ufficiale

Questo documentario “Run from the cure” è stato realizzato da Christian Laurette nel 2008 e racconta la storia di Rick Simpson. Il film contiene interviste con persone che sono state curate dall’olio di Rick, ma si sono rifiutate di testimoniare a favore di Rick nella Corte Suprema del Canada durante il suo processo del 2007. In questo documentario vengono spiegati in modo meticoloso tutti i benefici dell’olio di cannabis.

“Voglio che le persone sappiano come guarire se stesse.”

Rick Simpson ritiene che ingerire oralmente olio di canapa distrugga le cellule tumorali nel corpo. Quando viene utilizzato come topico, l’olio di canapa può controllare o addirittura curare varie malattie della pelle, quali i melanomi.
Tuttavia, come con qualsiasi “droga”, troppo olio di canapa può avere alcune controindicazioni e causare effetti collaterali; i tre più importanti sono: desiderio di cibo, euforia e sonnolenta. Si tratta di un farmaco estremamente sicuro rispetto ai centinaia di farmaci in commercio che sono stati approvati con poco o nessuno studio ed hanno recato ai pazienti orribili effetti collaterali, compresa la morte. Infatti, nessuno è mai morto dalla cannabis, somministrata in qualsiasi forma.

La ricetta dell’olio di cannabis di Rick Simpson

La prima volta che fai l’olio di cannabis inizia con un’oncia (circa 28,35 grammi) di canapa secca. Un’oncia produrrà circa 3-4 grammi di olio, anche se la quantità di olio prodotto per oncia varierà da ceppo a ceppo. Un chilo di materiale essiccato produrrà circa due once di olio di alta qualità.
IMPORTANTE: Queste istruzioni sono prese direttamente dal sito internet ufficiale di Rick Simpson. Fai molta attenzione durante l’ebollizione del solvente [opzioni del solvente], le fiamme sono estremamente infiammabili! EVITA il fumo, le scintille, i fornelli e le resistenze elettriche. Posiziona un ventilatore per soffiare via i fumi dalla pentola e allestisci un’area ventilata per tutto il processo.

Ecco il procedimento per produrre l’olio di cannabis:

1. Posiziona la canapa completamente asciutta in un contenitore di plastica.
2. Inumidisci l’erba con il solvente che hai deciso di utilizzare. Possono essere utilizzati molti solventi (opzione solventi). È possibile utilizzare nafta pura, etere, butano, 99% alcool isopropilico o anche acqua. Due litri di solvente sono necessari per estrarre il THC da un chilo, per un’oncia sono sufficienti 500 ml.
3. Schiaccia il materiale vegetale con un bastoncino di legno pulito non trattato o con qualsiasi altro utensile simile. Anche se il materiale sarà umido, riuscirai ancora facilmente a schiacciarlo perché ancora abbastanza asciutto.
4. Continua a schiacciare il materiale con il bastoncino e nel frattempo aggiungi il solvente, fino a quando il materiale vegetale sarà completamente coperto e bagnato. Continua a mescolare il composto per circa tre minuti. Mentre esegui questa operazione, il THC (uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis) viene rilasciato e dissolto nel solvente.
5. A questo punto separa l’olio-solvente dal materiale, versa il composto ottenuto in un altro contenitore. Con questa operazione avrai hai messo a nudo circa l’80% del tuo THC.
6. Seconda lavata: aggiungi nuovamente il solvente al materiale precedentemente separato e lavoralo per altri tre minuti per estrarre il THC rimanente.
7. Versa questa miscela di olio-solvente nel contenitore, contenente la prima miscela, precedentemente versata.
8. Scarta il materiale vegetale lavato due volte.
9. Filtra e versa il composto di olio-solvente in un contenitore pulito.
10. Operazione di evaporazione del solvente: per questa operazione sarebbe meglio utilizzare un cuoci riso o rice cooker. Così facendo sarà possibile bollire il solvente senza utilizzare fornelli, resistenze elettriche e fiamme libere, poiché i fumi sono estremamente infiammabili.
11. Aggiungi l’olio-solvente nella pentola fino a quando è piena per circa ¾ e accendila  Assicurati di essere in una zona ben ventilata e accendi un ventilatore per portare via i vapori del solvente. Come il solvente inizia ad evaporare, aggiungi altra miscela fino a quando l’avrai terminata.
12. Come il livello della miscela inizia a scendere per l’ultima volta nel cuoci riso, aggiungi poche gocce d’acqua (circa 10 gocce di acqua per un chilo di materiale secco). Questo ti aiuterà a liberare il solvente residuo e proteggere l’olio dal troppo calore.
13. Quando è rimasto circa un pollice (circa 2,50 cm.) di miscela solvente-acqua nella pentola, indossa un guanto da forno e agita il contenuto fino a quando il solvente avrà finito di evaporare.
14. Quando il solvente ha evaporato completamente, accendi nuovamente il fornello a fuoco BASSO. L’olio non deve mai raggiungere una temperatura superiore ai 290˚F (140˚ C).
15. Mantenendo il tuo guanto da forno, togli la pentola contenente l’olio dal fornello. Versa delicatamente l’olio in un contenitore di acciaio inox.
16. Metti il contenitore di acciaio inox in un essiccatore, o metterlo su un dispositivo di riscaldamento delicato come un coffee warmer. Questa operazione potrebbe richiedere un paio d’ore, ma l’acqua evaporerà dall’olio. Quando non c’è più alcuna attività superficiale, l’olio è pronto per l’uso.
17. Aspira l’olio con una siringa di plastica, o in qualsiasi altro contenitore appropriato. Con una siringa avrai facilità ad estrarre l’olio. Quando l’olio si raffredda completamente avrà la consistenza del grasso denso.
Guarda il video


http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento