domenica 24 agosto 2014

strage di Ustica: movente nucleare con regia di Israele






di Gianni Lannes



Dopo 34 anni le 81 vittime non hanno avuto giustizia, così come i numerosi testimoni assassinati in seguito dall'intelligence. Eppure il movente mai indagato a fondo dalla magistratura, è fin troppo evidente. Nel 1983 un ingegnere dell’Enea, Carlo Giglio, aveva denunciato alla magistratura un traffico di uranio puro, consegnando un voluminoso carteggio. Nel 1988 fonte “Billy” aveva depositato un altro esposto, ma i giudici avevano prontamente ed inspiegabilmente archiviato in un lampo. In seguito, nel 1995 Giglio aveva indirizzato alla procura della Repubblica di Reggio Calabria che indagava sull’affondamento delle navi dei veleni, una serie documentata di denunce. 


Nei verbali del 17 marzo 1995 è scritto: «Fu così che l’Enea (ovvero il CNEN, ndr) divenne lo strumento operativo dei vari governi italiani dell’epoca per fornire all’Iraq e al suo capo di Stato, Saddam Hussein, tutta l’assistenza tecnologica nonché tutto il materiale fissile idonei ad assicurare a detto Stato piena autonomia nucleare e la possibilità di dotarsi di armi atomiche».

In effetti, a metà degli anni ’70 il governo tricolore, unitamente a quello francese, stipula una serie di accordi commerciali con l’Iraq per la fornitura di tecnologia e materiale nucleare, in cambio di petrolio. E dentro c'è pue lo scandalo della banca italiana Bnl con sede ad Atlanta (USA). Ai magistrati l’ingegnere Giglio fornisce - così è scritto nei verbali di interrogatorio - «tutta la documentazione comprovante la fornitura all’Iraq di tecnologia e materiale nucleare (12.000 kg di uranio). Detto traffico clandestino intercettato dai servizi segreti israeliani e americani, che addirittura rappresentarono allo stesso Colombo che l’attività svolta dall’Enea e quindi dal Governo italiano non era tollerabile, determinava Israele a compiere vere e proprie attività terroristiche contro le ditte di proprietà statale incaricate dall’Enea di fornire la tecnologia nucleare: Snia Techint (attentato negli uffici romani), attribuito dallo stesso presidente del CNEN Colombo ai servizi segreti italiani». 


L’intelligence di Tel Aviv già prima della strage del 27 giugno 1980 aveva distrutto con un attentato tutto il materiale nucleare in partenza dalla Francia per l’Iraq. Nel frattempo il presidente del consiglio Francesco Cossiga, pur incalzato dal governo israeliano confermava alla stampa internazionale che, nonostante le pressioni americane e di altri Stati, il Governo italiano avrebbe mantenuto agli accordi sottoscritti dal presidente Andreotti.


Secondo quanto riportato dagli investigatori nei verbali, «la successione temporale degli nell’attività clandestina dell’Enea in favore dell’Iraq dimostrerebbe la vera causale dell’abbattimento dell’aereo di linea italiano su Ustica vada ricercata in un possibile trasporto clandestino verso Palermo da Bologna di combustibile nucleare. A Bologna, infatti, all’epoca vi erano due impianti nucleari di ricerca gestiti dall’Eni e dell’Agip Nucleare».

In effetti, ben 7 anni prima che la società francese Ifremer (una controllata dei servizi segreti di Parigi) effettuasse i primi recuperi dei rottami del Dc 9 Itavia e filmasse addirittura i resti di un missile di nazionalità israeliana (Shafrir) mai recuperato, nel profondo del Tirreno una società di cui erano titolari il capo di Stato Maggiore della Difesa (dal 1980 al 1981), tale Giovanni Torrisi (iscritto alla loggia massonica P 2 e capo di stato maggiore della marina militare dal 1977 al 1980), ed il banchiere Francesco Pacini Battaglia, con sede in via Fauro a Roma (una mera concidenza l' attentato del 1993?) aveva effettuato indisturbatamente e a più riprese proprio durante l'estate del 1980, con il pretesto della ricerca idrocarburi, ricognizione sui fondali ove giaceva la carcassa dell’aereo civile, alterandone la situazione.

Perché le indagini giudiziarie non sono mai state indirizzate in maniera approfondita sulla pista nucleare, liquidata con accertamenti superficiali? Come è stato possibile consentire a Cossiga di depistare in tempi più recenti, fino all'ultimo respiro? Bastava scandagliare il ponderoso carteggio diplomatico dal 1976 al 1980 che intercorre tra Tel Aviv e Roma per capire fino in fondo le motivazioni addotte per "sacrificate" 81 persone, compresi alcuni neonati. Ed emerge la solita ragion di Stato, ovvero gli affari indicibili intessuti da Palazzo Chigi con l'Eliseo. A proposito Cossiga e Andreotti, grazie allo zio Sam avevano già "sacrificato" Aldo Moro: ma questa è un'altra storia.

fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento