SOSPESI PER TERRA - Blogger bocche piene di libertà, bla bla bla bla, utenti che gravitano nella generosità, da da da da, aperti al confronto e ad ogni sorta di cambiamento, esibizionisti, buonisti, ambientalisti di sfondamento, automatico complimento. Se si apponesse con dinvoltuuuuura un diverso commento da bocciatuuuuuura non inerente all'argomento si rischierebbe una denuncia per scarso attaccamento, altro che sgomento, non abbiate pauuuuura, è un modo come un altro di perdere tempo, se mi guardate con sospetto non nascondetevi sotto il letto, prometto che sarò più buffona di Rigoletto. Blogger senza inibizione e difficoltà ti manda a va va va va, utenti saccenti che sa sa sa sa, intonano lo stesso ritornello la la la la, coraggio fabrax, abracadabra, esponi la formuletta che sai: "me la dai?" Ai confini dell'avere: "me la faresti vedere?" Per accontentare l'ippocampo, stampo e giunge in un lampo, guardo e non mi smagro, squadro una cornice senza quadro, non mi pongo quale sia il senso del peccato, giusto o sbagliato, non tutto è oro colato, non pregiudica un bene amato, se mi spengo al diavolo le sensazioni vere o presunte, potrei schiattare domani, se ne laverebbero le mani e i coglioni, non importa siamo di fronte al condominio virtuale, la finzione è la norma. Blogger che sanno l'alfabeto a a a a e poi tornano indietro a a a a, utenti spersi nella città, spiacente non sono di quà.

martedì 22 luglio 2014

(parentesi re Giorgio) - 2 -

IL GIA' FASCISTA GIORGIO NAPOLITANO, A CAPO DELLO STATO TRICOLORE






 di Gianni Lannes


«Fin dal 1942, a Napoli, iscrittosi all’Università, ha fatto parte di un gruppo di giovani antifascisti e ha aderito, nel 1945, al Partito Comunista Italiano, di cui è stato militante e poi dirigente fino alla costituzione del Partito Democratico della Sinistra».


La biografia ufficiale del capo abusivo dello Stato italiano, presente sul sito online del Quirinale - da cui è tratto il precedente stralcio - almeno in un punto fondamentale non risponde alla realtà dei fatti documentati. Come mai sulla pagina internet della più alta carica dello Stato c'è una menzogna così eclatante? Cosa ha da nascondere il Napolitano? Questo sbianchettamento istituzionale è un'offesa al popolo italiano.


Giorgio Napolitano era un fascista che nel 1942 aderì volontariamente al Guf (Gruppo universitario fascista). Una verità infamante per la più alta carica dello Stato nonché garante di carta della Costituzione ormai stracciata con la firma (Prodi e D’Alema) il 12 dicembre 2007 del Trattato di Lisbona. Una verità inconfutabile quanto inconfessabile, occultata dai mass media di regime e dalle istituzioni dello Stato tricolore.

Napolitano ha collaborato attivamente al settimanale dei fascisti universitari di Napoli "IX maggio". Questo membro della casta non ha fatto alcuna guerra di resistenza al nazifascismo, a differenza di tanti altri. E invece di combattere la dittatura ha preferito imboscarsi all’isola di Capri, nella villa di un facoltoso amico. E soltanto a conflitto terminato (dicembre 1945) ha aderito al Pci. Un'adesione al fascismo quella di Napolitano maturata all'apice dei vent'anni di dittatura mussoliniana, dopo la promulgazione delle leggi razziali nel 1938, l'alleanza con Hitler e l'ingresso dell'Italia nella seconda guerra mondiale il 10 giugno 1940.

Perché Napolitano non ha mai rinnegato questo suo imbarazzante passato di militanza fascista e non ha mai sentito il bisogno di fare almeno un'autocritica pubblica? Invece ha dichiarato pubblicamente che «Il GUF era in effetti un vero e proprio vivaio di energie intellettuali antifasciste».


fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento