SOSPESI PER TERRA - Blogger bocche piene di libertà, bla bla bla bla, utenti che gravitano nella generosità, da da da da, aperti al confronto e ad ogni sorta di cambiamento, esibizionisti, buonisti, ambientalisti di sfondamento, automatico complimento. Se si apponesse con dinvoltuuuuura un diverso commento da bocciatuuuuuura non inerente all'argomento si rischierebbe una denuncia per scarso attaccamento, altro che sgomento, non abbiate pauuuuura, è un modo come un altro di perdere tempo, se mi guardate con sospetto non nascondetevi sotto il letto, prometto che sarò più buffona di Rigoletto. Blogger senza inibizione e difficoltà ti manda a va va va va, utenti saccenti che sa sa sa sa, intonano lo stesso ritornello la la la la, coraggio fabrax, abracadabra, esponi la formuletta che sai: "me la dai?" Ai confini dell'avere: "me la faresti vedere?" Per accontentare l'ippocampo, stampo e giunge in un lampo, guardo e non mi smagro, squadro una cornice senza quadro, non mi pongo quale sia il senso del peccato, giusto o sbagliato, non tutto è oro colato, non pregiudica un bene amato, se mi spengo al diavolo le sensazioni vere o presunte, potrei schiattare domani, se ne laverebbero le mani e i coglioni, non importa siamo di fronte al condominio virtuale, la finzione è la norma. Blogger che sanno l'alfabeto a a a a e poi tornano indietro a a a a, utenti spersi nella città, spiacente non sono di quà.

venerdì 14 febbraio 2014

la droga del cannibale

Allarme in Italia: si sta diffondendo la “droga del cannibale” che trasforma in zombie

Si sta diffondendo anche in Italia la “droga del cannibale”, sostanza stupefacente dagli effetti devastanti che suscita istinti cannibaleschi

Ha fatto la sua prima comparsa nel 2010, quando i media statunitensi iniziarono a parlare di una droga dai devastanti effetti allucinogeni, una miscellanea di sostanze chimiche detta “Sali da bagno”, capace di provocare estrema euforia, insonnia e alta irritabilità emotiva.

Una droga purtroppo sempre più diffusa non solo in America, ma anche in Italia. La chiamano anche “Droga del cannibale” o “Settimo cielo” e i suoi abominevoli effetti sull’uomo costellano di raccapriccianti dettagli le recenti cronache d’oltreoceano: basti pensare, per citare solo alcuni episodi, a quello studente ventunenne americano che ha confessato l’uccisione del suo coinquilino e la polizia, perquisendo la sua casa, ha ritrovato due scatole contenti resti umani. Oppure a quell’uomo che, nudo in strada, la polizia ha dovuto uccidere perché stava divorando il volto di un barbone. Violenza e ferocia disumane, degne del più spietato film horror. Ma non si tratta di finzione cinematografica, è pura realtà.Droga del cannibale in Italia

Ci sono anche dei casi italiani, prova del fatto che l’uso di questo stupefacente si sta diffondendo anche nel nostro Paese. A Genova, un ragazzo è stato ricoverato  in stato shock  e arresto cardiaco, per aver aggredito la sua compagna, staccandole brutalmente il labbro a morsi e provocandole diverse lesioni da morso su tutto il corpo. Ed è di ieri, mercoledì 12 febbraio, la notizia dell’arresto a Padova di una 33enne rumena, Monica Ioana Balaban, cameriera nel noto ristorante “Belle Parti” in pieno centro storico. L’insospettabile spacciatrice è stata sorpresa dai carabinieri con quasi sei etti di droga sintetica, di cui 500 gr di “droga del cannibale”, destinati non si sa ancora a chi.

Ma cos’è esattamente questa sostanza stupefacente? Sicuramente molto pericolosa e di facile reperibilità in quanto acquistabile online. Il suo principio è il mefedrone che, testato dai ricercatori dell’Università Health Care del North Carolina (Stati Uniti) sui ratti da laboratorio, causa effetti paragonabili a quelli di cocaina, ecstasy e anfetamina, ossia effetti stimolanti e di rapida dipendenza. Ma con un’ulteriore aggravante: provoca istinti cannibaleschi. Stimola l’aggressività già insita in alcuni soggetti, spingendo ad atti di violenza incontrollati, accompagnati da manifestazioni di spaventosa follia. Il mefredone viene ricavato dal metcatinone, una molecola sintetica la cui struttura può essere assimilata a quella del catinone, principio attivo ottenuto dalla pianta del Khat, consumato in Etiopia, Kenia e Yemen. Gli studiosi al momento non sanno dare una esaustiva spiegazione circa gli istinti cannibaleschi risvegliati da questa droga che, al momento, restano ancora un enorme punto interrogativo.


fonte: terrarealtime.blogspot.it



Nessun commento:

Posta un commento