SOSPESI PER TERRA - Blogger bocche piene di libertà, bla bla bla bla, utenti che gravitano nella generosità, da da da da, aperti al confronto e ad ogni sorta di cambiamento, esibizionisti, buonisti, ambientalisti di sfondamento, automatico complimento. Se si apponesse con dinvoltuuuuura un diverso commento da bocciatuuuuuura non inerente all'argomento si rischierebbe una denuncia per scarso attaccamento, altro che sgomento, non abbiate pauuuuura, è un modo come un altro di perdere tempo, se mi guardate con sospetto non nascondetevi sotto il letto, prometto che sarò più buffona di Rigoletto. Blogger senza inibizione e difficoltà ti manda a va va va va, utenti saccenti che sa sa sa sa, intonano lo stesso ritornello la la la la, coraggio fabrax, abracadabra, esponi la formuletta che sai: "me la dai?" Ai confini dell'avere: "me la faresti vedere?" Per accontentare l'ippocampo, stampo e giunge in un lampo, guardo e non mi smagro, squadro una cornice senza quadro, non mi pongo quale sia il senso del peccato, giusto o sbagliato, non tutto è oro colato, non pregiudica un bene amato, se mi spengo al diavolo le sensazioni vere o presunte, potrei schiattare domani, se ne laverebbero le mani e i coglioni, non importa siamo di fronte al condominio virtuale, la finzione è la norma. Blogger che sanno l'alfabeto a a a a e poi tornano indietro a a a a, utenti spersi nella città, spiacente non sono di quà.

sabato 11 gennaio 2014

il sottosuolo del Molise per anni è stato utilizzato come discarica per sotterrare rifiuti tossici

Rifiuti Tossici1 Il sottosuolo del Molise per anni è stato utilizzato come discarica per sotterrare rifiuti tossici La realtà emersa dalle rivelazioni del pentito Carmine Schiavone è inquietante: anche il sottosuolo del Molise, da anni, è stato sfruttato come discarica per sotterrare rifiuti nocivi. Si tratta di sostanze tossiche per la salute dei cittadini e per l’ambiente. Su questa vicenda occorre tenere alta l’attenzione e fare al più presto piena luce perché ad essere in gioco è la sicurezza degli abitanti molisani.
Anche per questo, voglio ringraziare il Corpo forestale e i Vigili del fuoco per il loro incessante lavoro di ricerca, andato avanti anche ieri fino a notte fonda, volto ad individuare le zone contaminate. Noi dell’Italia dei Valori abbiamo seguito questa vicenda sin dal primo momento. Infatti, ho già inoltrato all’ufficio di sorveglianza del tribunale dei Napoli e al ministero della Giustizia, che gestisce le pratiche di detenzione in località protetta dei pentiti, la richiesta di ascoltare il pentito Carmine Schiavone per sapere l’esatta collocazione delle sostanze tossiche.
Siamo davanti ad uno scenario che potrebbe avere dei risvolti ancor più gravi di quelli annunciati e non c’è un minuto da perdere.
Noi dell’Italia dei Valori ci impegneremo per fare in modo che, quanto prima, emerga la verità. I cittadini hanno il pieno diritto di conoscerla.

fonte: www.antoniodipietro.it

Nessun commento:

Posta un commento