SOSPESI PER TERRA - Blogger bocche piene di libertà, bla bla bla bla, utenti che gravitano nella generosità, da da da da, aperti al confronto e ad ogni sorta di cambiamento, esibizionisti, buonisti, ambientalisti di sfondamento, automatico complimento. Se si apponesse con dinvoltuuuuura un diverso commento da bocciatuuuuuura non inerente all'argomento si rischierebbe una denuncia per scarso attaccamento, altro che sgomento, non abbiate pauuuuura, è un modo come un altro di perdere tempo, se mi guardate con sospetto non nascondetevi sotto il letto, prometto che sarò più buffona di Rigoletto. Blogger senza inibizione e difficoltà ti manda a va va va va, utenti saccenti che sa sa sa sa, intonano lo stesso ritornello la la la la, coraggio fabrax, abracadabra, esponi la formuletta che sai: "me la dai?" Ai confini dell'avere: "me la faresti vedere?" Per accontentare l'ippocampo, stampo e giunge in un lampo, guardo e non mi smagro, squadro una cornice senza quadro, non mi pongo quale sia il senso del peccato, giusto o sbagliato, non tutto è oro colato, non pregiudica un bene amato, se mi spengo al diavolo le sensazioni vere o presunte, potrei schiattare domani, se ne laverebbero le mani e i coglioni, non importa siamo di fronte al condominio virtuale, la finzione è la norma. Blogger che sanno l'alfabeto a a a a e poi tornano indietro a a a a, utenti spersi nella città, spiacente non sono di quà.

lunedì 17 giugno 2013

l'idea



lo sanno anche le pietre che la bisessualità è insita in ognuna di noi, con la differenza che i minerali medesimi non si riproducono.
Senza un'apparente ragione, sono immobili da milioni di anni.

Noi membri della razza umana, siamo alla costante ricerca di qualcosa e qualcuno che ci faccia star bene... Ci convinciamo che il meglio è il meglio... ad esempio un fantomatico elisir di lunga vita abbattitore di sofferenze, paure e ansie, la persona giusta, risolutrice di problematiche impossibili, interprete perfetta di silenzi e rumori, stimolatrice di orgasmi impensabili.

Nel 99% dei casi, accade il contrario, Sposiamo una testa di minchia, fatichiamo, mal sopportiamo, ci ammaliamo.

Di recente, l'idea di penetrare un uomo, m'intriga. Il desiderio recondito d'infilare un ditino o un oggetto fallico, accende in me la curiosità... il bisogno di comprendere se la forma di potere stia dalla parte di chi "infila" o da chi "riceve".
Mio marito rifiuta tale pratica.

Spostando il tiro, tutti siamo usciti dalla passera. I vagiti che emettono i neonati spesso sono visti come l'inizio del percorso che il destino ci riserva. Se il mondo è un'abisso, la fica lo è altrettanto? Non lo so.

3 commenti:

  1. c'è un refuso freudiano... "in tiro" ma volevi scrivere ovviamente "il tiro"...
    ehehe
    che dire...l'argomento è quasi un tabù nel senso che il minimo che può accadere è di perdere virilità all'interno della coppia...so che la pratica è diffusa più di quanto si pensi e gli uomini si stanno aprendo a questo genere di esperienze.
    Si chiama "inversione dei ruoli" e chi l'ha provato dice che è molto eccitante, se praticato da una donna sull'uomo amato. Nel campo del sesso non esistono confini se non quelli dettati dal gusto, dai desideri e dalla sensibilità individuale. Così come ci sono tantissimi uomini che declinano decisamente la suddetta ipotesi!!
    bye
    Juanito

    RispondiElimina
  2. Un dito è sempre ben accetto, l'importante è che l'inserimento non avvenga mai a freddo!

    RispondiElimina