venerdì 5 aprile 2013

con testo




baciami, baciami affascinante signora
baciami, baciami galante mora
baciami, sì, straniera, baciami ora,
nonostante tu non sia vera
hai sfiorato la sfera
aizzando una torbida atmosfera
che tutto divora,
in me la poesia alberga ancora, fino ad allora
ho premuto il tasto
ed ho succhiato l'asta
poi ho di nuovo premuto il tasto
ed ho leccato il punto di vista,
cosa ho ottenuto se non una situazione imprevista!?
Non se ne caverà un ragno dal buco,
non tanto dal buco e nemmeno dal ragno
quanto l'amoroso trasporto, indecifrabile sogno
come indecifrabile pretesto
posto in questo contesto indigesto
di un desiderio deleterio,
è buio pesto ed io non esisto,
l'imprevisto è lesto, è lento ogni gesto
anche se non l'ho richiesto seppur modesto,
l'universo mio non è vasto.

1 commento: