domenica 12 febbraio 2012

se stai male


se stai male che ci posso fare,
dipende da te
non dipende da me,
se stai male che ci posso fare,
dipende da te
non dipende da me

da sempre il mondo dimentica
perché deve rifare ciò che ha dimenticato,
quello che poteva essere e non è stato
quello che si poteva fare e non è bastato,
sei andato a fondo in un secondo, sei sprofondato,
il tuo dolce inganno ha creato un danno,
lo spartiacque incompleto tra il serio e il faceto
è la breve distanza
che separa l'indifferenza dalla latitanza

se stai male che ci posso fare,
dipende da te
non dipende da me,
se stai male che ci posso fare,
dipende da te
non dipende da me

anche se ti conosco al solito posto
il tuo io nascosto si è decomposto
tra l'altrimenti e il piuttosto,
sono innumerevoli i sapori distratti da contare
i prodotti scaduti da evacuare,
lascia fuori coloro che adorano il vitello d'oro,
resta nella gabbia di sabbia, che nessuno sappia,
qualcuno dirà, che banalità dare la colpa alla società

se stai male che ci posso fare,
dipende da te
non dipende da me,
se stai male che ci posso fare,
dipende da te
non dipende da me

2 commenti: