martedì 21 febbraio 2012

crystal


Solo un involucro,
un velo sottile che circonda e racchiude il nulla.
E’ più facile dare un senso alla materia
piuttosto che alla sua assenza.
Ma l’amore che alimenta i battiti della vita,
così volubile e sfuggente,
è pur sempre un rarefatto pensiero.

3 commenti:

  1. Grazie mille per avermi concesso uno spazio qui sul tuo blog!
    Baci

    RispondiElimina
  2. Bella davvero..ha un significato particolare? Cosa ti ispira?

    RispondiElimina
  3. Grazie mille!! Mi ha ispirato il mio stesso nome Crystal e Fabrax mi ha giustamente suggerito di intitolarla così. Ho voluto cogliere il parallelismo tra il cristallo e il corpo umano. Di entrambi si percepisce l'esteriorità...perchè è immediato capire ciò che giunge dentro di noi attraverso i sensi. Mentre l'amore non si vede, è immateriale ... ma crea la vita e la alimenta. Questi modesti versi nascono dal mio "cuore"...da quel lato di me che non si può percepire e conoscere dalle foto del mio blog!! :)

    RispondiElimina